Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Business and Economy’


Mi sono ricordata di un breve momento esilarante che va condiviso…

Sagra degli asparagi in provincia di Verona, bellissimo lo stand dove era possibile rifocillarsi con dell’acqua, acqua gratis, cauzione caraffa 5 eurini che ti venivano restituiti… bene dopo aver ballato più di un’ora di latino americano, decidiamo di andare a casa stanchi morti e io ho la malsana idea di chiedere un piccolissimo bichiere di acqua, c’era scritto che era gratis, ma l’avrei anche pagata vista la sete…

Io: buonasera mi scusi posso avere un bicchiere di acqua per favore?
Tipo: tutti che mi chiedete un bicchiere di acqua? si stanno sprecando un sacco di bicchieri
Io: (faccia allibita) mi scusi da dove dovrei berla l’acqua?
Tipo: con la caraffa ti do comunque i bicchieri
io: (tra me e me, ok che è gratis ma non voglio sprecarla mi accontento di un bicchiere) guardi posso bere anche dalla caraffa ma io vorrei solo un bicchiere
Tipo: mi state chiedendo tutti i bicchieri e si sono quasi finiti
io: ok allora mi attacco direttamente al rubinetto

Il tipo con riluttanza sta per prendere un bicchiere e lo interrompo: guardi lasci perdere, grazie comunque per la sua gentiezza… con un sonoro VAFFANCULO mi giro e vado via…

Morale della favola: quando andate nelle sagre dove hanno appesi ovunque cartelli su “raccolte differenziate” “noi amiamo l’ambiente” “ricicliamo” “acqua gratis” …. bhe diffidate soprattutto se utilizzano le stoviglie lavabili (evidentemente non hanno abbastanza fondi per acquistare stoviglie biodegradabili)…. personalmente faccio parte di un comitato di sagra e da noi non esiste che si neghi nulla, anche perchè per un comitato di sagra che teoricamente è tutto volontariato, fa comodo anche un euro che entra…. e complimentoni a quelli che fornivano il servizio!!!

Per fare una sagra con i contro cazzi ci vogliono due palle così!!!

Passo e chiudo!!!

Read Full Post »


Qualche giorno fa vi ho parlato di come in Italia si sta diffondendo la cultura internettiana e si stanno creando nuove figure di lavoro.. bene oggi vi parlo di una figura che ancora non è del tutto affermata e compresa nel web e si tratta di una figura che non può essere definita un webmaster a tutti gli effetti ma neanche un dilettante…

Oggi la figura del webmaster si è evoluta in altre più o meno specializzate se si può dire così, cioè se il webmaster dovrebbe sapere almeno un linguaggio di programmazione, conoscere bene gli standard w3c, la struttura del web e tante altre cose ancora questa nuova figura diciamo che conosce in maniera più generica queste cose… mi spiego meglio.

Con lo sviluppo tecnologico negli ultimi anni c’è stato il boom dei CMS (content management system), per chi non lo sa è un sistema di inserimento di contenuti installato su un server web collegato ad un database nella maggior parte dei casi, questo permette di rendere più semplice la vita di molti, dal giornalista al webmaster professionale.

In questi anni si sono venuti a formare quindi degli “specialisti” dei CMS, c’è chi si specializza in un sistema piuttosto che in un altro magari con l’aiuto e la conoscenza del php o asp, c’è chi invece si specializza nel creare dei template quindi lavorare con la struttura grafica imparando i segreti dei CSS… e per fare ciò non si può essere considerati dei veri webmaster perchè queste sono figure specializzate in un ambito preciso, per farmi capire ed evitare malintesi… pensate ad uno chef di alta cucina, lo chef sa fare il pane, la pizza, i dolci, carne e pesce… ed è per la sua immensa cultura ed esperienza che viene considerato chef, ma c’à il panettiere che è specializzato nella produzione di pane ma molto probabilmente saprà fare anche la pasta e non per questo può essere considerato chef… il nostro chef quindi è il webmaster mentre le figure satelliti sono quindi tutte le altre specializzate nei singoli settori…

Quindi una brigata di cucina ha lo chef e il panettiere, pasticcere, cuoco di partita, il comis…

Nel web però le cose cambiano, oggi per sviluppare un sito web non è necessario avere un webmaster con altre figure sottoposte, proprio perchè i CMS ci rendono la vita un pochino più semplice ma allo stesso tempo più avventurosa perchè l’esperienza porta poi ad aumentare le conoscenze ma anche migliorare le proprie capacità di problem solving, prima o poi chiunque si trovi ad installare un cms che sia wordpress o joomla si troverà di fronte ad un codice php che non sa decifrare ed ecco che in aiuto vengono gli esperti e intanto si comincia ad imparare.

Esattamente una decina di anni fa ho iniziato ad avere l’esigenza di uno spazio tutto mio e quindi compro un dominio e monto un CMS di phpbb con tanto di forum, poi ho cominciato ad appassionarmi così da phpbb sono passata a imparare l’html e i css iniziando a sperimentare qualche sitarello in web 1 fino ad arrivare ad oggi che grazie a CMS come Drupal e WordPress non solo riesco a implementare dei portali complessi ma riesco a realizzare un tema, a risolvere dei bug di codice anche senza essere una cima in programmazione… il web quindi porta le persone creative a sviluppare ulteriori capacità, non nego che a volte è noioso lavorare con i codici per chi non li ha mai voluti imparare ma spesso è anche una sfida… questo ha portato me e tante altre persone a crearsi una vera attività in rete che permette forse di arrotondare qualcosina senza troppe pretese, nascono così nuovi progetti nel web, nuove figure professionali e nuove alternative di lavoro.

Che l’Italia sia ancora parecchio indietro soprattutto in cultura questo è evidente, infatti è uno dei motivi che mi spinge a portare avanti il mio progetto KatStudio che non è un semplice modo di realizzare siti web ma è quello di dare formazione e informazione a 360 gradi utilizzando la mia esperienza.

Se volete avere utleriori informazioni sulle potenzialità di questo tipo di lavoro o avviare una collaborazione non esitate a contattarmi 

Passo e Chiudo

Cheru ^_^

Read Full Post »


Uno degli argomenti che tratteremo spesso in questo “blog” è proprio il lavoro, un tema dolente nella nostra società italiana ma a quanto pare non così drammatica se puntiamo all’innovazione.

Secondo uno studio della The Boston Consulting Group (BCG) commissionato da Google, negli ultimi anni la notevole crescita del web ha portato anche ad aiutare in quei settori problematici come il lavoro in Italia dove precariato e disoccupazione sono il pane quotidiano.

Lo studio della BCG dice che il valore del PIL in Italia è aumentato grazie ad internet, siamo la popolazione più cellularizzata in europa che utilizza regolarmente il proprio cellulare-smartphone per connettersi al web e non solo, grazie all’innovazione tecnologica il web ha permesso alle grandi aziende di aumentare il loro potere economico, costrette anche a cercare determinate figure specializzate e quindi ad aumentare i posti di lavoro…

Tra e-commerce e social-network i  ricavi sembrano numeri da capogiro ed ecco che per l’Italia si aprono nuove opportunità… dallo sviluppare siti web allo sviluppo grafico a fare il copywritter…

Chi si cimenta in questa avventura soprattutto nel bel paese troverà non poche problematiche, una di queste è il farsi conoscere, non basta un sito web, il saper scrivere bene e avere una buona ottimizzazione SEO ma aihmè anche nel web ci vorranno le conoscenze e quindi si parte con la scalata e lo sfruttamento dei social network per una propria strategia….

Nel prossimo futuro lo studio dice che ci saranno notevoli sviluppi sull’economia del nostro bel paese, che le piccole e medie imprese dovranno accorgersi prima o poi che se non vogliono morire dovranno trasferirsi nel web…

La popolazione digitale è in continua crescita, si stima che il 70% degli italiani in età compresa tra i 6 e 45 anni sono connessi, il 44% tra i 45 e 64 e il 40% over 65 anni… fenomeno in continua crescita, in soldoni manca poco meno della metà della popolazione per poter dire che l’Italia è connessa!!!

Tutti questi dati li potete trovare facilmente su Fattore Internet

A questo punto non mi resta che concludere dicendo che forse tra le pecore qualcuno si salva, che il web ormai è la nostra arma di sopravvivenza e che dobbiamo studiare e imparare per comprendere meglio questo misterioso strumento che si chiama web marketing…

Passo e Chiudo

Cheru.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: