Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘lavorare in italia’


Come dice una nota canzone di Elio: Italia si, Italia no… chi sa se cambierà qualcosa con le prossime elezioni.

Vi propongo la lettura di questo esauriente articolo: per aiutare i giovani tagliamo le tasse, verso la fine di questo articolo il giornalista scrive:

Il problema dei giovani in Italia non è solo economico. Stiamo creando una generazione sfiduciata, disillusa che non s’impegna perché non trova sbocchi e non vede per sé un futuro. Perdiamo molti bravi giovani che se ne vanno all’estero. Non solo i cosiddetti «cervelli», ma anche giovani che non trovando un normalissimo lavoro in Italia lo cercano, e lo trovano, altrove. Una generazione di scoraggiati non si riproduce né economicamente, né demograficamente e crea un pericoloso circolo vizioso. Queste spirali si possono arrestare, ma solo se si interviene presto. Se accelerano diventa impossibile fermarle.

Come dargli torto?

Purtroppo questa generazione (cioè anche la mia) è un pò segnata da questo vecchiume che aleggia e governa il nostro paese… si vive alla giornata, chi può permettersi di vivere ancora in casa con i suoi sopravvive un pò, chi invece i suoi li deve mantenere… si indebita. Un 30enne oggi deve basare la sua vita su un contratto a tempo determinato, senza sicurezza lavorativa come può pensare di costruirsi un futuro? magari avere una famiglia sua? Poi ti senti quel santissimo pontefice che dice: NON USATE IL PRESERVATIVO… santo iddio ma come fai a mantenerlo un figlio oggi?

Questo sistema sta portando al degrado una società che poteva promettere molto, non c’è coerenza con le figure lavorative richieste, nessuno ti da più la possibilità di crescere in una realtà affermata ma devi essere già cresciuto altrimenti non vai avanti.

Il Lavoro in Italia sembra diventata pura UTOPIA, io sarò ancora tra i fortunati ma nessuno ti offre più nessuna garanzia, certo che poi non c’è motivazione, è snervante non sapere cosa ti aspetta nei prossimi mesi quando magari sei nell’età giusta di cominciare a tirare giù qualche progetto, questo comporta un calo di entusiasmo e ti fa anche lavorare male… il lavoro in Italia è un bene di lusso altro che pizza e fichi, a maggior ragione se sei raccomandato ritieniti molto fortunato.

Poi questa moda, che ormai ci sta schiacciando, dei lavori piramidali dove il poveretto di turno deve consumarsi le suole delle scarpe suonando i campanelli e prenderndosi anche qualche insulto e se è veramente bravo rientra giusto nelle spese mentre chi è al vertice si ingrassa la panza. Direi che questo metodo è l’ideale per mettere in ginocchio chiunque, ma a noi piace imitare gli americani e così ci sentiamo un pò più simili a loro: cazzuttissimi ciccioni obesi e depressi!!!

Cosa ci riserva il futuro? Speriamo che il 2012 sia veramente la fine di tutto, la vedo dura per noi poveri precari.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: